Sites Grátis no Comunidades.net


Total de visitas: 11593
Batteria Asus M6800A

Hero5 Session è pensata specificamente per quegli utenti che ricercano dimensioni che siano le più compatte possibili per una action camera, disposti a rinunciare per questo a parte delle peculiarità tecniche del modello Hero5 Black. Non mancano in ogni caso il sistema di stabilizzazione elettronica e la possibilità di registrare video 4K a 30 frames al secondo. Anche questa action camera verrà commercializzata dal 2 ottobre, al prezzo consigliato di 329,99€ IVA inclusa nel mercato italiano (299 dollari tasse escluse in USA).Il terzo prodotto della famiglia GoPro riprende le caratteristiche tecniche del precedente modello Session, presentato da GoPro circa 1 anno fa: dimensioni e caratteristiche invariate con l'unica novità rappresentata da un sistema di microfoni più sofisticato.Per questo modello il prezzo in USA è pari a 199 dollari tasse escluse, mentre in Italia è pari a 229,99€ IVA inclusa.

Il primo drone sviluppato da GoPro prende il nome di Karma e viene venduto in un bundle che prevede uno zaino per il suo trasporto, all'interno del quale trova posto un gimbal a 3 assi che può venir staccato dal drone e utilizzata a mano libera o collegato ad uno dei sistemi di fissaggio sviluppati da GoPro. L'azienda propone Karma con zaino e gimbal, permettendo di inserirvi anche la propria action camera tra i modelli Hero4 Session, Hero4 Silver, Hero4 Black, GoPro Session, Hero5 Session e Hero 5 Black.La peculiarità costruttiva del drone Karma è quella di poter essere ripiegato, così da venir inserito nello zaino in dotazione mantenendo le pale collegate. Il suo funzionamento è gestito attraverso un controller che integra un display touch, con risoluzione di 720p. Tra le caratteristiche tecniche segnaliamo la possibilità con un pulsante di impostare il ritorno automatico alla base di partenza, oltre al decollo e atterraggio sempre con la pressione di un tasto. Mancano, a differenza di alcuni concorrenti, sia la possibilità di far volare il drone seguendo automaticamente un oggetto (ad esempio il suo pilota mentre scende un pendio innevato con gli sci) sia un sistema che evita collisioni con oggetti presenti lungo il percorso di volo.

Il drone Karma sarà posto in vendita dal 23 ottobre in Europa, a due differenti listini: 869,99€ IVA inclusa per il solo drone e 1.199,99€ per drone abbinato a action camera Hero5 Black. Il gimbal fornito in bundle verrà venduto anche separatamente, ad un listino in USA pari a 299 dollari tasse escluse.Altra importante novità dell'ecosistema GoPro annunciata assieme alle nuove proposte Hero e al drone Karma è GoPro Plus, la piattaforma cloud proprietaria dell'azienda che permette di sincronizzare via WiFi i contenuti presenti nella propria action camera Hero5 Black o Hero5 Session direttamente sul cloud. Una volta trasferiti i contenuti video, mentre la nostra action camera è in ricarica della batteria, sarà possibile procedere al loro editing direttamente via cloud. Il servizio è in abbonamento e sarà offerto ai consumatori in Europa a partire dall'inizio del 2017; permetterà di avere accesso ad una libreria di colonne sonore per l'editing dei propri filmati, ricever supporto premium e poter acquisare gli accessori originali GoPro con uno sconto del 20%. Il servizio GoPro Plus verrà proposto in nord America ad un prezzo di 4,99 dollari al mese, tasse escluse.

In sintesi, GoPro rinnova radicalmente la gamma semplificando l'offerta di action camera a soli 3 modelli ma con una segmentazione di prodotto più efficiente nel complesso. Quello dei droni è un mercato che da ora vede anche l'azienda americana presente con una propria soluzione, non ai vertici quanto a soluzioni tecniche implementate rispetto ai concorrenti ma capace di beneficiare della forza commerciale che il marchio GoPro ha costruito negli anni.Lo scorso 7 settembre Apple ha tolto i veli dai dispositivi di nuova generazione deludendo forse chi si aspettava un design tutto nuovo. Tradizionalmente la compagnia rilascia ogni due anni una versione del tutto rivisitata del suo melafonino, e il 2016 sarebbe stato l'anno del rilascio importante. Ma così non è stato, almeno se non consideriamo rivoluzionarie sul piano estetico le nuove bande in plastica o la nuova conformazione delle fotocamere, adesso più grandi e "Duo" sul modello Plus. Se non fosse per il nome, iPhone 7 e iPhone 7 Plus potrebbero essere identificati ad un primo impatto come iterazioni di tipo "S", ma in realtà qualcosa di nuovo c'è: sotto la scocca sostanzialmente identica in dimensioni troviamo infatti numerose novità.

Innanzitutto i nuovi colori con una particolare attenzione dedicata alla variante nera, o per meglio dire Space Grey (in italiano Spazio siderale). Quest'ultima viene eliminata del tutto e lascia spazio a due nuovi modelli neri: il più esclusivo viene chiamato Jet Black, l'altro semplicemente Nero opaco, il primo lucido, l'altro opaco. Ma perché la scelta di due neri? Probabilmente per via della fragilità del Jet Black, disponibile solo nelle versioni da 128GB in poi, e che si mostra particolarmente suscettibile a graffi e abrasioni microscopiche. Se si sceglie la finitura più esclusiva, quella più bella alla vista, la stessa Apple consiglia di nascondere il tutto con una cover. Una scelta un po' opinabile.

Chi invece non sopporta possedere uno smartphone ferito da graffi ed abrasioni può scegliere il nuovo Nero opaco, oppure uno dei vari colori tipici della line-up di iPhone, fra cui Argento, Oro e Oro rosa. Nonostante le scarse novità sul piano estetico, iPhone 7 e iPhone 7 Plus sono destinati a rimanere indelebili nella storia della categoria per via della mancanza del jack audio. I nuovi dispositivi sono infatti i primi della compagnia a non poter accogliere nativamente cuffie tradizionali con connettore da 3,5mm, rispondendo all'esigenza con un adattatore fornito in dotazione. Gli auricolari EarPods nella confezione originale utilizzano il connettore Lightning e per caricare il device e ascoltare la musica in cuffia simultaneamnete bisogna acquistare un adattatore o la dock ufficiale.La rimozione del jack audio è dovuta anche alla nuova certificazione IP-67 e all'esigenza di rimuovere il superfluo per lasciare spazio a componenti più importanti. Grazie alla certificazione IP i due nuovi iPhone possono essere adesso utilizzati anche se messi in contatto con liquidi e possono resistere ad immersioni di un massimo di 1 metro di profondità per 30 minuti. Questo non significa però che Apple risponderà gratuitamente a richieste d'assistenza in caso di danni dovuti a liquidi: la società ha infatti specificato che tali tipi di danni non saranno coperti dalla garanzia offerta con la vendita dei prodotti.

Insomma, meglio non gettarsi in acqua con lo smartphone addosso se non strettamente necessario. Nel nome della resistenza ai liquidi Apple ha anche introdotto un nuovo tasto Home, adesso capacitivo e che simula il feedback della pressione attraverso un nuovo motore aptico. I nuovi iPhone integrano un processore quad-core a 64-bit con una configurazione che ricorda la big.LITTLE di ARM. Apple A10 Fusion infatti utilizza solamente due core a potenza piena, mentre gli altri saranno destinati ad occuparsi esclusivamente delle operazioni più leggere. Nelle prossime pagine tratteremo l'argomento in maniera più approfondita riportando i risultati di tutti i test prestazionali della nostra suite. iPhone 7 integra 2GB di RAM, mentre per la variante Plus Apple ha scelto una soluzione con 3GB di RAM. Lato storage invece vengono raddoppiati tutti i tagli, con tre modelli da rispettivamente 32, 128 e 256GB.

Molto particolare il sistema di fotocamere della variante Plus: mentre iPhone 7 utilizza una fotocamera tradizionale da 12 megapixel con OIS (iPhone 6S non disponeva di stabilizzazione ottica), iPhone 7 Plus sfrutta una soluzione più raffinata. La fotocamera posteriore utilizza due moduli separati con diversi sensori e obiettivi: il principale usa un grandangolo con apertura f/1.8, il secondario un obiettivo telescopico. Quest'ultimo serve a dare l'illusione di uno zoom ottico 2X, con lo smartphone che è in grado di effettuare ingrandimenti senza le consistenti perdite di qualità tipiche degli zoom digitali.In futuro arriverà anche una nuova modalità Portrait, che aggiungerà uno scenico effetto bokeh sullo sfondo dei nostri soggetti. iPhone 7 e iPhone 7 Plus hanno anche due altoparlanti stereo (il secondo è integrato nella capsula telefonica). I display rimangono sostanzialmente invariati nei numeri rispetto alle precedenti iterazioni del melafonino: diagonali e risoluzioni restano le stesse, mentre dovrebbero essere aumentate la luminosità e il gamut dei colori.

Come al solito non saranno proprio popolari i prezzi. Le varianti da 32GB vengono proposte a 799 e 939 euro, rispettivamente per i modelli da 4,7 e 5,5 pollici, sino ad arrivare a 1019 e 1159 per le rispettive varianti da 256GB. Di certo non per tutte le tasche, ma Apple si è ritagliata ormai una consistente fetta di utenti fidelizzati; e non è poi nemmeno così rischioso scommettere che anche quest'anno, come tutti gli ultimi anni, gli iPhone saranno fra gli smartphone di maggiore successo della categoria.
Apple afferma che iPhone 7 Plus è equipaggiato con un display completamente nuovo, capace di una luminosità superiore fino al 25% rispetto a quella di iPhone 6S (Apple dichiara fino a 625 candele su metro quadro) e da uno spazio colore più ampio rispetto al display utilizzato sul predecessore, precisamente lo spazio DCI-P3 che rispetto allo spazio colore sRGB ha un verde e un rosso più saturi. Tutte affermazioni per le quali cercheremo riscontro nei nostri consueti test. Per il momento, snoccioliamo i dati di targa del display: diagonale di 5,5", risoluzione nativa di 1920x1080 pixel (densità di 400 pixel per pollice) e tecnologia 3D Touch.